A Daniel, vittima innocente dell’antirazzismo

Daniel Wretström aveva solo 17 anni quando fu brutalmente assassinato da una Gang multirazziale a Salem, sobborgo di Stoccolma. La sua “colpa” agli occhi dei suoi vili aguzzini era quella di essere un “razzista”. Ma in realtà era semplicemente un membro del “Vit legion”, un patriota svedese. In quelle settimane, a seguito di un episodioContinua a leggere “A Daniel, vittima innocente dell’antirazzismo”

Il fascismo inglese di Mosley.

Il 16 novembre 1896 nasce a Londra, da una famiglia di nobili origini, Sir Oswald Ernald Mosley. Dopo aver prestato servizio nell’aereonautica britannica durante la prima guerra mondiale, nel 1918, a soli 22 anni, viene eletto deputato alla camera dei comuni diventando il membro del Parlamento più giovane della storia inglese. L’immensa eco della MarciaContinua a leggere “Il fascismo inglese di Mosley.”

IN MEMORIA DI JULIEN QUEMENER

Il 23 novembre 2006 un drammatico episodio, purtroppo non isolato, sconvolse il mondo del calcio e diede adito a chi, da sempre, accusa indiscriminatamente tifosi accomunati da determinati ideali. A Parigi si svolgeva l’incontro di calcio tra Paris Saint-Germain e Maccabi Tel Aviv. Il clima, secondo addetti ai lavori e testimoni, non era tra iContinua a leggere “IN MEMORIA DI JULIEN QUEMENER”

LA REPUBBLICA DI POLONIA

L’11 Novembre 1918, La Polonia, dopo aver vissuto per più di un secolo nell’ ombra delle potenze europee, ottenne l’indipendenza. Nacque quel giorno la repubblica di Polonia. Repubblica quest ultima le cui basi erano già state gettate, durante i primi anni del conflitto mondiale, dai tedeschi e dagli austro-ungarici. Si trattava però solo di uno stato fantoccio;Continua a leggere “LA REPUBBLICA DI POLONIA”

Josué Estebanez doveva morire!

Condannato per aver legittimamente difeso la propria vita da un’aggressione antifascista 11 Novembre 2007. Questo giorno è tristemente noto alle cronache italiane per il tragico omicidio del tifoso laziale Gabriele Sandri, ma c’è un’altra storia, sicuramente meno conosciuta, che si è scritta quel giorno, la storia di Josué Estébanez de la Hija. Josué è unContinua a leggere “Josué Estebanez doveva morire!”

Una vita a mille all’ora: Guido Keller

Magnifico, glorioso, sopra le righe, caparbio, audace, coraggioso, anticonformista, eccentrico, libero. Sono questi alcuni degli aggettivi con cui Guido Keller viene ricordato dal 1929 ai giorni nostri. Nasce a Milano il 6 Febbraio del 1892, da una famiglia aristocratica della città. Frequenta il college elvetico di Trotzen ma ne viene espulso poco dopo per laContinua a leggere “Una vita a mille all’ora: Guido Keller”

4 novembre 1918: giorno della Vittoria.

Della Vittoria con la V maiuscola, sì. L’armistizio del 4 novembre con cui si concludono le operazioni di guerra rappresenta una Vittoria; il ruggito di una Nazione che si è rialzata al Piave, dove «non passa lo straniero», dove i muri parlano per tutti gli eroi caduti e per tutti i fanti che non hannoContinua a leggere “4 novembre 1918: giorno della Vittoria.”

La Grande Guerra.

Cento anni fa l’Italia entrò nel Primo Conflitto Mondiale della storia. La sua partecipazione non fu immediata a causa dei dissidi tra gli Interventisti (coloro che volevano entrare in guerra tra i quali figurano Filippo Tommaso Marinetti, leader della corrente culturale del Futurismo, e Benito Mussolini, allora direttore dell’Avanti!) ed i Neutralisti (coloro che preferivanoContinua a leggere “La Grande Guerra.”

Ἀθάνατοι.

Raffiche di vento pungente gonfiano le bandiere, migliaia di voci si mischiano soverchiate da struggenti note di musica classica. Due bandiere, più alte di tutte, svettano ai fianchi di un piccolo altare ricoperto di fiori e candele che incorniciano i bellissimi volti di due Eroi. All’arrivo in quella piazza ci si sente in un mondoContinua a leggere “Ἀθάνατοι.”

Il pensatore pericoloso: Ezra Pound.

Grande poeta e saggista, importante esponente del modernismo, visse quasi tutta la sua vita in Italia. Dopo gli studi di filologia presso l’Università della Pennsylvania a Filadelfia, Pound decise di dedicarsi completamente alla poesia e di intraprendere un lungo viaggio oltreoceano, soggiornando prima a Londra e poi a Parigi. La capitale britannica lo influenzò siaContinua a leggere “Il pensatore pericoloso: Ezra Pound.”

A Mario, ucciso dall’odio antifascista.

Il 1975 è un anno terribile, uno dei più bui degli anni di piombo. Dopo gli omicidi di Mikis Mantakas e Sergio Ramelli, la violenza degli antifascisti colpirà un altro militante missino a Roma, il giovane Mario Zicchieri, ucciso a fucilate mentre si trovava davanti la sua sezione al Prenestino. La sua morte è unContinua a leggere “A Mario, ucciso dall’odio antifascista.”

“O ROMA O MORTE!”

Correva l’anno 1922, il 28 Ottobre 1922; qualcosa nell’aria stava cambiando, qualcosa che avrebbe cambiato, da lì ai prossimi vent’anni, le sorti del nostro paese. Mussolini insieme con Balbo, De Bono, De Vecchi e Bianchi, schierati, pronti a discutere le sorti d’Italia, usando come mezzo un’ enorme manifestazione, che vide provenire partecipanti da ogni parteContinua a leggere ““O ROMA O MORTE!””

La rivoluzione di Budapest.

Era il 23 Ottobre del 1956 quando molti studenti ungheresi diedero vita ad una manifestazione pacifica a sostegno degli studenti di Poznan (dal nome della cittadina polacca la cui manifestazione fu violentemente repressa dal governo). Dopo poco tempo la manifestazione sfoció in una vera e propria insurrezione contro la dittatura di Matyas Racosi, uno stalinistaContinua a leggere “La rivoluzione di Budapest.”

Pensiero ed azione in Filippo Corridoni.

Filippo Corridoni fu un grande sindacalista e giornalista italiano. Oltre a frequentare le scuole tecniche, fu un grande appassionato di studi umanistici,di latino e francese. Fin dalla giovine età,si interessò alle opere di Carlo Pisacane,Giuseppe Mazzini e Karl Marx. Questi autori contribuirono a maturare in lui delle idee repubblicane e rivoluzionare,le quali unite al suoContinua a leggere “Pensiero ed azione in Filippo Corridoni.”

Il Fascismo di Farinacci.

Farinacci fu ferroviere, giornalista, politico; una delle personalità fasciste più intransigenti del nostro panorama. Si distinse in particolare a Cremona per il ruolo di sindaco e per l’incessante lotta alle leghe cattoliche – rosse e per l’impegno attivo anche nell’organizzazione sindacale dei contadini cremonesi. Nacque il 16 ottobre del 1892 a Isernia e si trasferìContinua a leggere “Il Fascismo di Farinacci.”

Il peso della coerenza nel caso Concutelli.

La cassazione ha negato la liberazione condizionata a Pierluigi Concutelli, neofascista di Ordine Nuovo ed autore del delitto del giudice Occorsio e dei delatori Ermanno Buzzi e Carmine Palladino. Per la cassazione pesa il fatto che Concutelli non si sia mai “ravveduto”, mai pentito di quello che ha fatto. Concutelli nasce a Roma nel 1944Continua a leggere “Il peso della coerenza nel caso Concutelli.”

Pensiero ed Azione nella vita di Pavolini.

Ciò che muove gli uomini in alcune scelte è un qualcosa di inspiegabile per alcuni. Per noi no. Fin quando ci saranno uomini pronti a combattere fino all’ultimo respiro si potrà dire che ancora vive un’idea, un barlume di speranza. In un mondo sempre più ingrigito, sempre più piatto e monotono sentiamo il bisogno diContinua a leggere “Pensiero ed Azione nella vita di Pavolini.”