Dalla tradizione all’azione.

Se non riescono a distruggere il desiderio di libertà non possono stroncarti. Non mi stroncheranno perché il desiderio di libertà e la libertà del popolo irlandese sono nel mio cuore. Verrà il giorno in cui tutto il popolo irlandese avrà il desiderio di libertà. Sarà allora che vedremo sorgere la luna”. Robert Gerrard Sands, noto a molti come Bobby, affida i propri pensieri all’umanità intera nel suo ultimo scritto in forma diaristica negli ultimi giorni di prigionia a Long Kesh, da cui questa breve citazione è tratta. Questo scritto carico di emotività nei confronti della sua nazione e nei diritti spettanti ad essa, calpestati da continui soprusi che scatenano proteste e rivolte in tutto il paese in un ‘900 che si dimostra vacillante e traballante davanti a queste vicende, è un monito, un appello verso i suoi commilitoni e connazionali affinché la lotta non si arresti, soprattutto in vista di un suo (ormai vicinissimo ed annunciato) sacrificio. La storia ci confermerà infatti che il suo appello è stato udito ed il suo progressivo lasciarsi morire non è stato vano: decine di migliaia di persone hanno preso parte al suo funerale ed ancora oggi viene commemorato ogni 5 maggio, anniversario della sua morte. Ma l’impatto mediatico servì a risvegliare e scuotere le coscienze, che si mossero sistematicamente creando disordini e scontri nelle strade delle città a rischio dell’Irlanda del Nord. Il 14 marzo è il giorno di San Patrizio, santo patrono dell’Irlanda, figura quasi mitologica che iniziò l’opera di evangelizzazione in questo paese. Oggi, mentre in Irlanda staranno festeggiando questa ricorrenza che simboleggia un profondo attaccamento verso valori tradizionali (conditi anche da folklore come sempre avviene), noi vogliamo ricordare e rendere omaggio a quest’uomo, Bobby Sands che si è stato portatore di questi valori durante un periodo di profonda oppressione che tentava di fletterli e piegarli. Bobby Sands nato a Belfast nel 1954 decide di arruolarsi nella Provisional IRA nel 1972. Nello stesso anno viene arrestato, poiché vengono trovati quattro pistole nella sua abitazione e gli viene inflitta una pena di 4 anni di carcere. Una volta che Sands venne rilasciato, ritornò al suo attivismo politico nella Provisional IRA. Nell’ottobre del 1976 Bobby viene arrestato insieme ad altri 3 con l’ennesima accusa di detenzione di arma da fuoco, ritrovata nell’auto in cui gli attivisti erano a bordo. Sands ci lascia una poesia “The Crime of Castlereagh” in cui racconta le aggressioni e i soprusi ricevuti durante gli interrogatori, attraverso i quali i poliziotti cercarono di estorcere da lui una confessione. L’anno successivo ai quattro venne inflitta una pena di 14 anni per detenzione di arma da fuoco; ed è in questa seconda carcerazione che si matura la protesta vibrata di Sands e dei compagni: la “blanket protest” consisteva nel rifiutarsi di indossare la divisa ordinaria dei prigionieri e di indossare un lenzuolo per coprirsi; la “dirty protest”, attraverso la quale i carcerati cercavano di rendere inumane le condizioni igieniche delle loro stesse celle, poiché quando erano diretti verso i bagni venivano spesso malmenati dalle guardie carcerarie: i prigionieri si rifiutavano di uscire dalle loro celle e inondavano le stesse con i propri escrementi. Tutte queste proteste miravano a sensibilizzare il governo britannico sulle condizioni delle carceri del Nord Irlanda; i protestanti chiesero al governo Thatcher di approvare alcune misure che tutelassero i detenuti. La loro richiesta fondamentale verteva sull’essere riconosciuti come prigionieri politici o di guerra, piuttosto che comuni criminali. L’escalation di protesta arrivò al suo culmine quando i detenuti iniziarono (a fasi alterne in modo da avere maggior risalto) uno sciopero della fame. Bobby Sands intanto era stato eletto membro del parlamento, ma purtroppo la sua carica durò l’arco di un mese senza mai prendere parte ad alcuna seduta, poiché il 5 maggio 1981 Robert Sands morì a causa del suo intransigente sciopero della fame durato ben 66 giorni. Alla sua morte seguirono il decesso di altri nove attivisti irlandesi che avevano aderito allo sciopero della fame. La Lady di Ferro, capo del governo britannico, è sicuramente la maggiore imputata a livello morale per la morte di questi giovani martiri: le sue iniziali vaghe promesse sul miglioramento delle condizioni carcerarie non furono mai abbastanza. Bobby Sands scelse di morire, come lei stessa precisò, ma è stata una coerenza e fede nei confronti di un una lotta e di un ideale nazionalistico, ripetutamente calpestato e frantumato, che lo hanno portato a “scegliere” di morire.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...