CORNELIO ANDERSEN

Cornelio Andersen (Fiume 11 Febbraio 1887 – 26 Dicembre 1931) è stato un esploratore, motociclista, schermidore, militare e patriota italiano.

Nacque a Fiume nel 1887, da Vincenzo Rampinelli marchese di Travagliato e Filippa di Carolina, famiglia di origini Bresciane ma operante in Valle Sabbia già dal XVIII secolo con fucine per la lavorazione del ferro.
Trasferitosi nel bresciano, a 14 anni non ancora compiuti venne espulso da tutte le scuole del regno per aver percorso in moto i corridoio dell’Istituto Rottini (Scuola comunale di pittura, arti e mestieri) infrangendo una vetrata e procurandosi ferite superficiali. Per nulla avvilito da tale sanzione a 15 anni fuggì di casa. In seguito, si arruolò come volontario nella prima guerra mondiale.

Prestò servizio nel 3º Reggimento Alpini. Nel 1916 lasciò il battaglione perché destinato al 5º reggimento di Fanteria motorizzata “Brigata meccanizzata Aosta”. Lo stesso anno è sul fronte dell’Isonzo, dietro sua richiesta venne trasferito ad una sezione lanciafiamme operante in prima linea sul Carso nel 1917, ove riportò una ferita e fu proposto per la Medaglia d’argento al valor militare. Nel Luglio di quell’anno, sfidò a duello, per onta ricevuta, un giovane Giuseppe Ungaretti (a sua volta, nel 1926 Ungaretti sfidò a duello un altro scrittore, Massimo Bontempelli, nel giardino della villa di Luigi Pirandello). Nello scontro, un colpo di sciabola lo ferì allo zigomo. Successivamente Gabrile d’Annunzio coniò per lui l’appellativo di “Frizzo” (dal latino Frictio, “sfregamento”, da cui “Sfregio”).

Nel 1918, con i “Caimani del Piave”, partecipò alla battaglia del Solstizio, l’ultimo attacco dell’Imperial Regio Esercito, la qual vittoria portò alla conclusione del conflitto sul fronte meridionale e all’armistizio di Villa Giusti. Nel campo di volo di San Nicolò del Lido di Venezia conobbe l’esploratore Umberto Nobile e Gabriele d’Annunzio, che il 9 agosto 1918, con 11 aeroplani Ansaldo sorvolerà Vienna gettando dal cielo migliaia di manifestini inneggianti alla vittoria italiana.

Nel 1919 soggiornò a Venezia e dopo a Milano. Fu fidanzato alla Emilia de Ambris, ma il matrimonio naufragò anzitempo poichè dichiarò alla giovane che lui non poteva avere altro amore al mondo all’infuori di quello che nutriva “per la musica wagneriana”.
Il 5 Settembre, armato di un pugnale e di una Chamelot Delvigne mod.1874 d’ordinanza, fuggì in moto (una Triumph a tre ruote) da Milano e raggiunse Ronchi il 7 Settembre per unirsi ai volontari di Guido Keller nella “Marcia di Ronchi” nell’ambito dell’impresa di Fiume.
La buona nomea ed il riguardo che il comandante d’Annunzio recava lui, gli permise di compiere spericolate imprese che, come la peculiarità della vicenda fiumana dimostra nel complesso, hanno talvolta più del goliardico che del militaresco.

Nel 1926, col Generale Umberto Nobile e l’ufficiale degli alpini Gennaro Sora, a bordo del dirigibile “Norge”, sorvolò per la prima volta nella storia il Polo Nord, impresa replicata due anni dopo, a bordo del dirigibile “Italia”. Durante il viaggio di ritorno il dirigibile precipitò sulla banchisa polare a causa di una violenta tempesta.
Andersen si adattò a vivere per sette settimane in una tenda, finchè tutti gli esploratori vennero tratti in salvo da un piccolo aereo svedese comandato dal tenente Einar Lundborg.

Alla fine del 1928 lasciò l’Europa alla volta del villaggio agricolo di Villabruzzi (fondato nel 1920 da Luigi Amedeo di Aosta) in Somalia.
L’anno successivo raggiunge lo Yukon nella comunità Italiana fondata dagli esploratori Felice Pedroni e i fratelli Giovanni e Francesco Dalla Costa fin nel 1898.
Per la pavimentazione delle fabbriche di dinamite per la ricerca dell’oro importò marmo dall’Italia e divenne importatore di marmi per il Canada nord occidentale da Carrara.
Morì nel 1931 a Rat River (Manitoba) nello scontro a fuoco con un trapper svedese, al secolo Albert Johnson, ucciso in seguito dalle Giubbe Rosse.

Pubblicato da BloccoStudentescoNapoli

Il Blocco Studentesco è l'associazione studentesca di CasaPound Italia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: